Sostituire una finestra, Giannotti consiglia come e quando

sostituire una finestra

 

Il tempo di sostituire una finestra, prima o poi, arriva in qualunque casa.

Che sia per migliorare il confort del proprio spazio abitativo o adottare materiali moderni ed ecologici, vi sono alcune nozioni che è fondamentale conoscere prima di mettere mano a cacciavite e chiave inglese.

Prima di tutto parliamo dei permessi: se gli infissi che andremo a sostituire hanno una colorazione e una partizione del nuovo modello, all’ora potremmo metterci all’opera senza dover richiedere prima alcun permesso o autorizzazione. Se invece il nuovo modello di infisso a colori, partizioni o semplicemente un diverso modello di tapparella, allora avremo bisogno della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (Scia) per procedere con i lavori.

Nel caso l’operazione modifichi invece permanentemente i vani finestra preesistenti, allora dovremo procurarci una Denuncia di iniziò attività (Dia).

 

Sostituire una finestra, trasformarla in una portafinestra

In caso di interventi più radicali, come quelli richiesti per trasformare una finestra in una portafinestra, è necessario richiedere all’Ufficio Tecnico del Comune in cui si trova l’immobile il permesso di costruire, in quanto si tratta di un intervento che andrà a modificare la facciata dell’edificio e, potenzialmente, la sua stabilità.

Inoltre vanno tenuti conto che la richiesta ad interventi tanto radicali può andare incontro a limitazioni dovute alla natura storica dell’edificio o vincoli normativi locali.

In caso l’intervento venga effettuato all’interno di un condominio, la prassi è quella di presentare il progetto all’assemblea condominiale, così da dimostrare che l’opera non vada ad intaccare la stabilità dell’edificio, la sicurezza e il decoro architettonico.

 

Sostituire una finestra, Aprire nuovi vani finestra

Nel caso si scelga di aprire nuovi vani finestra, allora la procedura sarà non dissimile da quanto richiesto per trasformare un normale vano finestra in una porta finestra.

Sarà necessario richiedere come prima cosa il permesso all’Ufficio Tecnico del Comune competente, in quanto sarà comunque necessario compiere una demolizione parziale della struttura architettonica, dopo di che, nel caso si abiti in un condominio, è importante presentare il proprio progetto all’assemblea condominiale, consapevoli che, data la complessità del progetto, tutti i condomini saranno in diritto di manifestare la propria opinione.

In caso di necessità, non esitare a contattarci, metteremo la nostra esperienza al servizio della tua necessità.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *